stampa | chiudi

primi

Trippa di vitello in umido

Il "quinto quarto" ben lungi dall’essere scarto è da sempre tra gli ingredienti più apprezzati dalla cucina popolare. E la trippa, qui in una versione diversa dalla più classica bresciana, ne è la regina.

Tempo di preparazione
2 ore e 30 min

Ingredienti:

Dosi per 4 persone:

  • Trippa di vitello già pulita un chilo
  • 2 cipolle
  • 2 carote
  • concentrato di pomodoro 50 g
  • farina 10 g
  • vino bianco secco 200 cl
  • olio extravergine
  • sale
  • pepe
  • fagioli 150 g
  • brodo di carne 1,5 lt

Preparazione:

Tagliare a strisce sottili la trippa sciacquarla sotto l'acqua fredda per qualche minuto.
Frullare le cipolle, le carote e un goccio di olio extravergine. Mettere il fondo di cottura in una ampia casseruola tostarlo bene e aggiungere la trippa leggermente infarinata. Sfumare con il vino bianco, in modo da farlo bene evaporare e iniziare la cottura con il brodo caldo. Aggiungere il concentrato di pomodoro, aggiustare di sale e pepe e far cuocere con il coperchio per oltre 2 ore e mezza aggiungendo all'occorrenza, il brodo caldo.
A cottura quasi ultimata aggiungere i fagioli precedentemente bolliti. Quando tutto sarà amalgamato finire il piatto ponendo sulla trippa fumante cubetti di grana padano bresciano facendoli leggermente ammorbidire.

CUOCO:Devis Bodini
VINO:Salvàdek Extra Brut Millesimato

Prodotto nelle migliori annate con uve selezionate e provenienti dai vigneti più vecchi e meglio esposti, il Salvàdek è composto da uve Chardonnay 95% e vino di riserva 5%. La fermentazione in vasche d'acciaio e in fusti di rovere unita all'affinamento dei lieviti di oltre 30 mesi donano al Salvàdek una forte personalità, ben raccontata dal nome – selvaggio in dialetto bresciano.

Franciacorta strutturato, molto asciutto e con salinità e mineralità in evidenza: ideali per questo piatto.

stampa | chiudi