stampa | chiudi

secondi

Coniglio in pasta filante di porcini e zafferano

Una carne che pare essere apprezzata solo nel più classico degli arrosti ed invece è qui utilizzata con un taglio insolito ed una preparazione originale che valorizza un Dop bresciano

Tempo di preparazione
1 ora

Ingredienti:

Dosi per 4 persone:

  • due selle di coniglio «il dorso fino alle zampe posteriori»
  • 400 gr. pasta sfoglia
  • 200 gr. fontina
  • zafferano
  • sale
  • farina bianca
  • un bicchiere di vino bianco ed uno di latte
  • brodo
  • 400 gr. porcini freschi o altri funghi
  • un rosso d’uovo

Preparazione:

Fatevi disossare dal vostro macellaio la sella di coniglio e rosolatela bene con le ossa. Togliete poi la polpa e finite la salsa aggiungendo un cucchiaio di farina, il vino bianco, il brodo e il latte: cuocete tutto per 20 minuti.
Stendete la sfoglia, mettete la fontina a fette e in mezzo la polpa di coniglio; ricoprire con la restante fontina. Chiudete il fagottino e pennellare con il rosso d’uovo; infornare a 180 gradi per 20 minuti. Per la salsa da usare come letto al fagottino, passate il sugo di coniglio al setaccio, mettete lo zafferano e fate saltare i porcini tagliati sottili così da e formare la base del piatto. Tagliate a metà il fagottini e bagnatelo con la salsa allo zafferano.

CUOCO:Emanuele Bettini
VINO:Essence Satèn DOCG 2008

Il più Franciacorta tra i Franciacorta.  Elegante ed eclettico nelle sue svariate sfumature. Note agrumate si fondono elegantemente con ricordi di frutti esotici. Ottenuto da sole uve Chardonnay. Aperitivo di gran classe, ma al tempo stesso meraviglioso vino da pasto in accompagnamento a piatti di pesce e carni  delicate.

Consigliamo un Saten di ottima freschezza, ma anche di una certa complessità, come questo 2008.

stampa | chiudi