Vialone nano con carciofi e animelle al Lugana

  • Tipologia
    primi
  • Tempo di preparazione
    45 min
  • Difficoltà
    facile

Il quinto quarto che per secoli è stato appannaggio della cucina povera, è oggi apprezzato anche sulle tavole più eleganti e raffinate, segnando con la sua presenza, in questo caso le animelle, piatti di non comune piacere.

INGREDIENTI
  • gr 320 di vialone nano
  • 1 scalogno e 1 aglio
  • 2 cucchiaio di olio extra vergine del Garda
  • 1 cucchiaio raso di pistilli di zafferano di Pozzolengo
  • 100 gr. di burro

Brodo vegetale;

  • 2 carciofi freschissimi
  • gr. 100 di Grana Padano grattugiato
  • gr. 400 di animelle di vitello
  • 2 rametto di rosmarino
  • 1 bicchiere di Lugana
  • sale, pepe, q.b.
PREPARAZIONE

Sbollentare in acqua salata le animelle, raffreddarle e togliere tutte le pellicine. Con le mani farle a piccoli pezzi e tenerli da parte. Pulire i carciofi, compresa l’eventuale barbetta all’interno e tagliare finemente i cuori. Passarli in acqua fredde acidulata con succo di limone, scolarli e saltarli in padella con dell’olio profumato all’aglio e un rametto di rosmarino (che toglierete dopo pochi secondi) a fuoco vivace fino a renderli croccanti. Sgocciolarli e tenerli da parte al caldo. Con due cucchiai d’olio rosolare dolcemente lo scalogno, aggiungere il riso, poco alla volta il brodo e lo zafferano e iniziare la cottura. A circa 4 minuti dalla fine aggiungere i carciofi. Nel frattempo rosolare con olio e il rimanente rosmarino i bocconcini di animelle, sfumarle con il Lugana e aggiustare di sale e pepe. A cottura ultimata mantecare il riso con il burro e il Grana Padano. Servire il risotto all’onda e guarnire ogni piatto con le animelle.

CHEF
Lorenzaccio
Franciacorta vini
Franciacorta Brut Docg Millesimato 2008

Giallo paglierino con leggero accenno verde, spuma abbondante e perlage di estrema finezza. A spiccare sono evidenti sentori di crosta di pane, di pasticceria e di frutta secca come la mandorla tostata. Le sensazioni in bocca sono fresche, acide ed equilibrate da una morbidezza gradevole unite a note di mela matura, che riempie ed accompagna a lungo il palato.

ABBINAMENTO ALLA RICETTA

Esaltante aromaticità e profumi per questo risotto, che ben si fonde alle note tostate e morbide dalla giusta mineralità e freschezza di questo Franciacorta.

Ricerca la ricetta:
RICERCA PER TIPOLOGIA
Ricette professionisti
Condite le lenticchie ed i germogli con un poco di riduzione di aceto, olio, ...
Cuocere il riso nel latte, aggiungendo verso la fine lo zucchero e il sale. U...
Ricetta a cura del ristorante "Corte Francesco" di Montichiari
Fabio Mazzolini inizia la sua settimana di ricette per i lettori del Giornale...
Cuochi professionisti
Il mirto dell'Hotel Parco della fonte
Due angeli
Carlo Magno
Hostaria Uva Rara
Bottega di Vittorio
Artigliere
Gambero
Antica Cascina San Zago
La Madia
Seguici su