Crostata dolce alla romana

  • Tipologia
    dessert
  • Tempo di preparazione
    1 ora e 20 min
  • Difficoltà
    facile
INGREDIENTI

Per 8-10 persone.

Pasta frolla:

  • 300 gr. di farina setacciata
  • 150 gr. di burro e di strutto (metà e metà)
  • 150 gr. di zucchero fine
  • 2 tuorli e un uovo intero
  • la scorza grattugiata (senza nulla della parte bianca) di 1/2 limone
  • un pizzico di sale

 

Guarnizione:

  • 3 tuorli d'uova
  • 10 gr. di zucchero
  • 60 gr. di farina setacciata
  • vaniglina
  • ½litro di latte caldo
  • 1 barattolo da 400 gr. di confettura di amarena

 

Diversi:

  • farina
  • strutto fuso
  • 1 uovo battuto con qualche goccia d'acqua
  • zucchero vanigliato
PREPARAZIONE

Impastare con cura e il meno possibile gli ingredienti per la pasta. Se l'impasto tendesse a sgretolarsi (e accade quando s'impasta più a lungo del necessario) aggiungere pochissima acqua fredda; far riposare la pasta per mezz'ora avvolta in un panno ben pulito.

Mettere in un casseruolino i tuorli con lo zucchero, batterli con una frusta sino a quando sono ben montati, mescolarvi la farina setacciata, un pizzico di sale e la vaniglina e completare con il latte caldo. A calore moderato mescolare l'insieme; appena accenna l'ebollizione, ritirare il casseruolino dal fuoco, versare il contenuto in una terrina e mescolandolo di tanto in tanto, lasciarlo raffreddare.

Dividere l'impasto in due pezzi eguali; tirarli in 2 sfoglie e spolverizzarle con un poco di farina. Ungere di strutto una teglia rotonda grande, stendervi una sfoglia addossandola bene al fondo e alle pareti e ricoprirla con uno strato di crema da una parte, di confettura di amarena dall’altra. Tagliare la seconda sfoglia a striscioline piuttosto spesse e disporle incrociate sulla crema e la confettura; con i ritagli di pasta fare un bordo tutto attorno la crostata e spennellare leggermente bordo e striscioline di uovo battuto.

Passare la teglia nel forno a buona temperatura media; appena le striscioline tendono a dorare, la crostata è cotta. Ritirarla dal forno, farla raffreddare nella teglia di cottura, poi, con delicatezza, metterla in un piatto di servizio, ricoperto da una carta a pizzo, e spolverizzarla leggermente con zucchero vanigliato.

Ricerca la ricetta:
RICERCA PER TIPOLOGIA
Ricette professionisti
Lavare il cavolfiore e staccare delle piccole rosette dalla costa centrale, s...
Il fegato grasso entra prepotentemente a segnare questo piatto, ma il carciof...
Mescolare i savoiardi imbevuti di kirsch e maraschino col latte bollito e pas...
Ricetta a cura del ristorante "La Cantina" di Esine
Ricetta a cura del ristorante "Il casolare" di Rodengo Saiano
Cuochi professionisti
Capoborgo
Il mirto dell'Hotel Parco della fonte
San Marco
Il Gelso di San Martino
La Rucola
Castello Malvezzi
Da Nadia
Antica Cascina San Zago
Seguici su