Costoletta di vitellino da latte al tartufo nero con erbette di montagna all’Olio extravergine di oliva

  • Tipologia
    secondi
  • Tempo di preparazione
  • Difficoltà
    facile

Ricetta a cura del ristorante "Spirito Divino" di Comezzano Cizzago

INGREDIENTI
  • 4 costolette di vitellino bianco da latte fresche
  • 100 g di farina bianca
  • 200 g di burro chiarificato
  • tartufo nero fresco a piacete
  • 300 g di fondo di vitello
  • erbette di montagna sott’olio (agretti, radicchio dell’orso, buonenrico e cicoria selvatica)
  • 500 ml di aceto bianco
  • 1,5 lt di acqua
  • sale e pepe
  • olio extravergine di oliva
  • aglio e timo
PREPARAZIONE

Preparare le verdure di montagna scottandole in acqua, aceto e sale, portati a bollore, per il tempo necessario, scolarle e sistemarle in vasi di vetro per la conservazione. Scaldare l’olio con l’aglio ad una temperatura di 80°C, farlo raffreddare e coprire le verdure. Chiudere il vaso e sterilizzare. Lasciarle riposare almeno una notte.
Tagliare il tartufo a fette, scaldarlo in una padella con un filo di olio, uno spicchio di aglio e qualche rametto di timo sfogliato. Salare e pepate le costolette, cospargerle con il tartufo cotto e lasciarle in marinatura per 15 minuti.
Scaldare il burro chiarificato con un poco di timo, adagiare le costolette, scolate dall’olio e passate nella farina bianca, e farle rosolare su ambo i lati a fiamma bassa per 10 minuti continuando ad irrorarle con il liquido di cottura. Toglierle e metterle in una placchetta.
Aggiungere al liquido di cottura della carne il fondo di vitello, unire il tartufo della marinatura, regolare di sapore e portare alla giusta densità; tenere in caldo.
Finire la cottura della costolette in forno prerisaldato a 180°C per 5 minuti
Mettere nel piatto un poco di erbette, scolate dall’olio, adagiare la costoletta tagliata in tre parti mantenendo l’osso e cospargere con la salsa al tartufo.

Ricerca la ricetta:
RICERCA PER TIPOLOGIA
Ricette professionisti
Tagliate a cubetti molto piccoli la mollica di pane e fatela dorare a 220 gra...
Battere in una bacinella di rame i bianchi d’uova con lo zucchero; aggi...
Non molto utilizzati nel Bresciano i garganelli sono un formato di pasta all&...
In una casseruola sciogliere il burro, aggiungere il riso ed un pizzico di sa...
Ricetta a cura del ristorante "Enrico VIII" di Brescia
Cuochi professionisti
Albergo Rosa
Relais Goumand
Il Gelso di San Martino
Il mirto dell'Hotel Parco della fonte
La tortuga
Lorenzaccio
Officina Cucina
Ristorante Trattoria 1960
Seguici su