Composta di baccalà mantecato, broccoletti, e polentina su coulis di pomodori e olive taggiasche

  • Tipologia
    secondi
  • Tempo di preparazione
  • Difficoltà
    facile

Ricetta a cura del ristorante "Lorenzaccio" di Brescia

INGREDIENTI
  • g 600 di baccalà
  • 6 spicchi di aglio
  • 3 broccoletti di media grandezza
  • 5/6 pomodori medi
  • g 100 di olive nere taggiasche

Per la polentina:

  • g  250 di farina gialla di Storo
  • 1 lt. di acqua
  • sale q.b.
PREPARAZIONE

Lavare sotto acqua corrente il baccalà, successivamente cuocerlo in abbondante acqua e
latte senza salare.  Preparare la polenta con il metodo classico (bollire 1 litro di acqua salata e g 250 di farina gialla di Storo). Cuocere in abbondante acqua salata i broccoletti e  raffreddarli subito in acqua e ghiaccio. Con i pomodori preparare un sugo classico di pomodoro. Sbucciare  l’aglio e farlo cuocere nel latte per circa 15 minuti ( ripetere l’operazione per tre volte).
 Dopo circa 45 minuti la polenta è pronta, quindi stenderla in una placca alta circa 1 cm e farla raffreddare. Ricavare dei dischi di polenta della dimensione desiderata. Tritare i broccoletti e condirli con olio, sale e pepe. Frullare il pomodoro e filtrare per ricavare la salsa per completare il piatto. Mantecare il baccalà con olio e aglio e una presa di formaggio grana.
Impiattare sistemando uno strato di polentina, uno di broccoletti e uno di baccalà mantecato, finire con uno di polentina. Infornare per circa 15 minuti a 180° gradi. Sfornare e servire caldo con il coulis di pomodoro e le olive tritate.

Ricerca la ricetta:
RICERCA PER TIPOLOGIA
Ricette professionisti
Dissalare lentamente e con pazienza il merluzzo è il primo passo per c...
Tagliare a pezzi la polpa di zucca e cuocerla a vapore. Rosolare in una padel...
Rivisitazione della "panada" piatto povero e tradizionale bresciano. Ho volut...
Molti ritengono difficile cucinarle il polpo, ma poche istruzioni rendono tut...
Cuochi professionisti
Ristorante Hosteria
Relais Goumand
Lorenzaccio
Due angeli
San Marco
Il mirto dell'Hotel Parco della fonte
Da Nadia
Antica Cascina San Zago
Speranzina
Seguici su