Cannelloni di melanzane e burrata con le triglie

  • Tipologia
    primi
  • Tempo di preparazione
    1 ora
  • Difficoltà
    facile

Ecco un esempio di come si può proporre in maniera originale un primo piatto di pesce, con una pasta lavorata, ma senza mettere in conto complesse operazioni in cucina

INGREDIENTI

Per 4 persone:

  • 8 fogli pasta gialla all’uovo cotta per cannelloni
  • una melanzana
  • una burrata
  • 200 ml di latte
  • 40 gr di farina
  • 30 gr burro
  • 1 cucchiaio di paté di olive
  • 4 foglie di basilico
  • 4 triglie
  • 2 fette di pan carré
  • aglio
  • 20 gr di prezzemolo
  • 3 cucchiai di olio d'oliva
  • sale
  • pepe
  • 20 gr parmigiano grattugiato
  • 4 cucchiai di salsa al pomodoro
PREPARAZIONE

Stendere i fogli di pasta all’uovo, nel frattempo lavare e tagliare a cubetti la melanzana, salare bene. Per la Besciamelle: in una casseruola a fuoco basso sciogliere il burro; aggiungere la farina e il latte e cuocere per 6/7 min. Togliere e raffreddare. In un’altra pentola scaldare l’olio con l’aglio e cuocervi a fiamma bassa la melanzana fino a che si dimezzi il volume. Nel frattempo tritare la burrata e tagliare 2 foglie di basilico a julienne. Per il ripieno unire a freddo: besciamelle, melanzana, burrata, paté di olive e basilico. Fare vi cannelloni con la pasta e il ripieno. Piazzare le triglie su una placca, salare e pepare. In un frullatore mettete prezzemolo, pan carré e olio e frullare. Con questo pane verde spolverate le triglie sulla placca. Imburrare una pirofila e adagiatevi i cannelloni uno vicino all’altro, nappateli con della salsa al pomodoro, spolverate col parmigiano condite d’olio e gratinate a 220°c per 10 min. Nel frattempo dorare velocemente i filetti di triglia, 10 secondi per lato. Servire bollenti con sopra le triglie croccanti.

CHEF
Ristorante Aquariva
Franciacorta vini
Furente Franciacorta Brut Nature millesimato 2007

L'annata 2007 è stata la nostra seconda vendemmia. Qualche anno dopo, nel fare le prime sboccature, ci siamo resi conto che avevamo per le mani un ottimo prodotto. Abbiamo deciso di conservare qualche bottiglia per scoprire le evoluzioni della fermentazione. E' stata una sorpresa per noi scoprire quest'anno il suo evolversi e la sua "furia"

ABBINAMENTO ALLA RICETTA

Una preparazione succulenta con buona carica aromatica richiede un millesimato di stoffa dal sorso accattivante.

Ricerca la ricetta:
RICERCA PER TIPOLOGIA
Ricette professionisti
Il Fatulì della Valsaviore è uno delle più interessanti ...
Il "quinto quarto" ben lungi dall’essere scarto è da sempre tra ...
Pulire per bene i carciofi, tagliarli a fettine sottili e gettarli in acqua f...
Strizza l'occhio alle più avvertite elaborazioni della cucina molecola...
Cuochi professionisti
Bottega di Vittorio
Hostaria Uva Rara
Ristorante Trattoria 1960
Villa Feltrinelli
Gambero
La Piazzetta
Speranzina
Leon d'oro
Seguici su