Le Quattro Terre

Il desiderio di dare sostanza a un sogno traccia il carattere di una giovane azienda in Franciacorta, Le Quattro Terre. Il legame con il territorio, la passione per il vino e la volontà di interpretare al meglio la personalità del luogo, si esprimono nella  determinazione a realizzare un prodotto che preservi l'essenziale armonia della natura.

I vini proposti:
Franciacorta Saten Le Quattro Terre

Un Franciacorta Satèn da sole uve Chardonnay che interpreta il lato femminile e raffinato di questa denominazione. Colore giallo paglierino, perlage fine e persistente. La maturazione in barrique dona un lieve aroma di vaniglia accompagnato a sentori di frutta gialla tipici degli Chardonnay in purezza. Affina per 24 mesi su lieviti selezionati.

Franciacorta Dosage zero 2008 Le Quattro Terre

Dosaggio Zero Millesimato di grande nerbo ed eleganza. Affina in bottiglia sui lieviti per 30 mesi. Colore paglierino luminoso e perlage fitto. Al naso è fine e intenso, con note tostate subito seguite da toni vegetali. In bocca spicca per freschezza e vena acida. Retrolfatto con note dolci iniziali che si trasformano poi in agrumate e tostate.

Franciacorta Brut Le Quattro Terre

Franciacorta Brut fresco con una vena acida equilibrata e gradevole. La pulizia olfattiva esalta la sapidità e la secchezza. Colore paglierino e perlage fine. Elegante e delicato con note floreali e di frutta gialla tipiche del vitigno. Scorrevole e pieno in bocca, con un piacevole equilibrio sensoriale complessivo. Affina per 18 mesi sui lieviti.

Ricerca la ricetta:
RICERCA PER TIPOLOGIA
Ricette professionisti
Lavare e pulire accuratamente i moscardini, togliendo becco ed occhi. In una ...
Ricetta a cura della trattoria "La Madia" di Brione
Ricetta a cura del ristorante "La Piazzetta" di Brescia
Ecco un esempio di come si può proporre in maniera originale un primo ...
Scongelare la pasta frolla, stenderla in una tortiera imburrata, bucherellarl...
Cuochi professionisti
Villa Calini
San Marco
La Piazzetta
Ristorante Hosteria
Trattoria da Eva
Speranzina
Al porto
Seguici su