stampa | chiudi

secondi

Rombo, funghi, patate, tartufo nero, vaniglia

Un piatto di apparente semplicità che però valorizza al meglio la qualità della materia prima con l’ausilio misurato del calore e l’abbinamento ricercato delle suadenze.

Tempo di preparazione
1 ora e 20 min

Ingredienti:

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 rombo da 2 kg
  • 200 gr patate
  • mezza bacca di vaniglia
  • 50 gr di latte
  • 40 gr di burro
  • 1 noce di tartufo nero
  • 400 gr di funghi di stagione
  • prezzemolo fresco
  • 1 spicchio d’aglio
  • 2 cucchiai di olio extra vergine d’oliva del Garda

Preparazione:

Per la purea di patate alla vaniglia: mettere in un pentolino il latte, il burro e la bacca di vaniglia, portare ad ebollizione e togliere dal fuoco. Cuocere le patate passarle al setaccio, aggiungere il latte filtrato. Regolare di sale e mettere da parte. Per i funghi di stagione: lavare accuratamente i funghi con acqua fredda, tagliarli e tribolarli con aglio, olio e prezzemolo precedentemente tritato Per il rombo: sfilettare il rombo e tagliare 8 tranci. Finitura: riscaldare sul fuoco una padella antiaderente, quando è bella calda aggiungere dell’olio extra vergine d’oliva del Garda e adagiarvi i tranci di rombo, salati e pepati dalla parte più bianca. Quando hanno preso colore, girarli e spegnere la fiamma. Stendere sui piatti la crema di patate appoggiarvi sopra i rombi e i funghi di stagione, terminare con delle lamelle di tartufo nero.

CUOCO:Roberto Mazzola
VINO:Franciacorta Extrabrut millesimato 2008 "Boschedòr" DOCG

Composto da uve 50% pinot nero e 50% chardonnay, millesimato di colore giallo intenso, presenta un bouquet elegante, ricco con note speziate e di lieviti. Al palato si presenta importante, fresco e complesso.  Ottimo in abbinamento con primi piatti, carni bianche e pesce.

Franciacorta dalla forte mineralità e dagli aromi decisamente speziati ed ampi, legati alla presenza importante del Pinot Nero; l’ampiezza dei profumi si accosta all’aroma del caviale e della salvia, la mineralità stempera la dolcezza della zucca per un risultato finale decisamente appagante.

stampa | chiudi