Gli yogurt dei Danesi

Danesi Franco e Pierangelo

Uno yogurt che fa bene al palato, alla digestione e anche alla terra che lo produce. E questa la sfida dall’azienda agricola «Danesi Franco e Pierangelo» di Ospitaletto. La società ha il suo cavallo di battaglia, oltre che la sua particolarità, nello yogurt alla liquirizia. Gli yogurt sono innanzitutto fermentati a temperature molto basse, attorno ai 4 °C. In questa maniera mantengono la tipica cremosità che dona al prodotto un sapore particolarmente affabile e dolce. Le basse temperature mantengono inoltre lo yogurt più ricco di fermenti lattici, aiutando in questa maniera la flora intestinale e abituando l’apparato digerente al confronto con i sapori naturali dei prodotti non trattati a livello industrial. I Danesi producono yogurt di diversi gusti: dalla menta alla pesca, dal caffè al cioccolato, dall’amarena fino al limone, all’ananas e al melone. La vera ciliegina sulla torta, tuttavia, rimane lo yogurt alla liquirizia, ormai quasi introvabile altrove. Il latte necessario allo yogurt proviene direttamente dalle di Ospitaletto, dove gli animali sono alimentati e curati il più possible con quanto offre la terra dell’Ovest Bresciano. É disponibile solo in vasetti di vetro da ripulire ed eventualmente riutilizzare in casa.

Danesi Franco e Pierangelo
Via Padana Superiore 200, Ospitaletto (Bs)
Telefono 030.6848023
Email: zabu.e@libero.it
Partecipa alle iniziative dell’Unione agricoltori

Ricerca la ricetta:
RICERCA PER TIPOLOGIA
Ricette professionisti
Non molto utilizzati nel Bresciano i garganelli sono un formato di pasta all&...
Un condimento fresco e saporito rende accattivante e nuova la proposta di una...
Far ammorbidire l’uva passa nel kirsch e intanto mescolare i tuorli con...
Chi dice che il tonno annoia provi questo piatto: se il pesce è di qua...
Sbattere molto bene lo zucchero con i tuorli, aggiungere il mascarpone e mesc...
Cuochi professionisti
A filo d'acqua
Dispensa pani e vini
Il mirto dell'Hotel Parco della fonte
La Piazzetta
Villa Calini
La Madia
Carlo Magno
Lorenzaccio
Seguici su